C' è Papa e Papa

http://www.lastampa.it/2017/04/01/vaticaninsider/ita/inchieste-e-interviste/wojtyla-e-pinochet-la-verit-su-quella-foto-frutto-di-un-inganno-s2MzmXp2nW6OoLRlry2tMM/pagina.


Wojtyla e Pinochet, la verità su quella foto frutto di un inganno

Lo scatto 30 anni fa. La manovra politica del dittatore cileno inizio della sua fine. La storia e il tempo fanno giustizia a san Giovanni Paolo II.
In occasione del viaggio in Cile di Papa Francesco ho sentito dire , a proposito della fotografia di papa Giovanni Paolo II sul balcone con Pinochet, che il pontefice fu attirato con l'inganno in quella situazione
Lo raccontò Luis Badilla, ben noto a Tv2000, come commentatore attento del papa, in qualità di direttore del Sismografo blogLa famigerata foto  
Il 2 aprile 1987 alle 9 del mattino era prevista, allestita e organizzata con precisione puntigliosa da parte di padre Roberto Tucci e dei suoi collaboratori la visita di cortesia di san Giovanni Paolo II al palazzo presidenziale, La Moneda. L’incontro privato doveva durare 10 minuti 

 A un certo punto, frutto di «mossa studiata», alla fine del colloquio con i dittatore, il Papa venne fatto uscire da una porta non prevista negli accordi con il chiaro
proposito di metterlo davanti a una grande tenda nera momento nel quale Pinochet si rivolse al Papa così: «Santità, fuori la gente lo vuole salutare e vedere. Attende una sua benedizione». In quel preciso istante addetti militari fecero scorrere la tenda e aprirono la finestra del balcone centrale del palazzo presidenziale che si affacciava sulla piazza festante. Giovanni Paolo restò ammutolito sentendosi tradito e costretto a sottostare alle malefatte di Pinochet  

Perchè il Papa non invitò  Pinochet alla  "nunziatura"papale di Santiago, che è una sorta di ambasciata vaticana e la residenza dei Papi all'estero? 
Mah, a me sembra tutto molto arzigogolato,  quel sorriso appare  del tutto spontaneo; inoltre Karol Wojtyla mantenne ottimi rapporti con il dittatore nel corso degli anni seguenti.
Nel 1993 inviò  un telegramma di auguri a Pinochet e al quale concesse la Comunione; lo stesso dittatore al quale mandò una lettera di solidarietà quando venne arrestato in Gran Bretagna per essere estradato in Spagna, effettuando pressioni sulle autorità inglesi per bloccarne il processo di estradizione. 
la lettera augurale di Wojtyla. "Al Generale Augusto Pinochet Ugarte, alla sua distinta sposa, Signora Lucia Hiriarde Pinochet, in occasione delle loro nozze d' oro matrimoniali e - scrive il pontefice - come pegno di abbondanti grazie divine, con grande piacere impartisco, così come ai loro figli e nipoti, una benedizione apostolica speciale. Giovanni Paolo II". 
Fermo lo sdegno all' iniziativa pontificia da parte dei francescani francesi, che parlano di "sentimenti di rivolta e di vergogna". 

Mi piacerebbe conoscere la vostra opinione.

Trump definisce i Paesi africani e Haiti "shithole countries", Paesi di m...


shit-hole
letteralmente
 slang, volg
 
buco di culo, lo sottolinea anche Vittorio Zucconi in questo articolo  che spiega la vera essenza di Trump


In una piazza di Savannah, la storica e bella città della Georgia sull'Atlantico, si erge, da dieci anni, un monumento del quale il Presidente Donald Trump non deve avere mai sentito parlare che commemora il contributo e il sacrifico dei Chasseurs-Volontaires de Saint-Domingue, i fucilieri volontari che nel 1779 parteciparono alla Rivoluzione Americana combattendo al fianco dei ribelli di George Washington contro le truppe coloniali inglesi.

Erano neri di pelle, africani di origine o di nascita, soggetti di una terra che allora era colonia francese e provenivano da quella nazione che oggi il leader degli Stati Uniti d'America ha definito uno "shit hole", un'espressione che l'Agenzia Ansa ha tradotto eufemisticamente in "cesso" ma che all'orecchio di qualsiasi americano suona molto, molto più volgare. Uno "shit hole" è un "buco del culo". Nella più benevola delle traduzioni, un "merdaio".


Trump si sta rivelando il peggior amico che gli americani possano avere. Una minaccia diretta a ciò che il mondo ha sempre creduto fossero gli Usa, rischiando la vita pur di raggiungerli.

Quest'uomo che trabocca di odio per tutti coloro che non sono come lui, che sta ogni giorni ferendo l'immagine, il prestigio, l'onore di quella nazione che proclama di amare.

Una parte dell'America ha firmato un patto con il diavolo quando lo ha eletto grazie alla bizzarria del sistema elettorale presidenziale. 
http://www.repubblica.it/esteri/2018/01/12/news/il_patto_col_diavolo-186320943/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P4-S2.4-L

UN PO' TROPPO CONDISCENDENTI

Le Monde Idèes
défendons une liberté d’importuner, indispensable à la liberté sexuelle »
En savoir plus sur http://www.lemonde.fr/idees/article/2018/01/09/nous-defendons-une-liberte-d-importuner-indispensable-a-la-liberte-sexuelle_5239134_3232.html#FKSrCrOofi5tKfjC.99

Un attacco al femminile in difesa della libertà sessuale per la quale, ricordano, è "essenziale la libertà di sedurre e importunare". Da qui, la convinzione che "questa febbre di inviare i 'maiali' al macello, lungi dall'aiutare le donne a rafforzarsi, serve in realtà gli interessi dei nemici della libertà sessuale, degli estremisti religiosi, dei peggiori reazionari e di quelli che credono che le donne siano esseri umani a parte, bambini con il volto adulto, che pretendono di essere protette".


Mi sembra abbiano tralasciato il reato più grave  esercitato da  questi "maiali", quello del ricatto, il comportamento più vile in ogni rapporto umano.
Il mio parere è che questa  'caccia alle streghe' o, per meglio dire, agli  "orchi " non dovrebbe riferirsi a 20/30 anni fa e che una palpata al sedere o una frase a sfondo sessuale siano considerate  molestie inaccettabili come se le donne non fossero in grado di difendersi verbalmente o con un bel calcio  nel posto giusto. 

Meglio ridere.

Non c’è pace per la Linea 6 della metropolitana leggera di Napoli, quella che collega Fuorigrotta a Mergellina. Chiusa nel lontano 2013 per i lavori di prolungamento della linea, dovrebbe tornare in esercizio entro l’anno con l’apertura delle stazioni San Pasquale e Arco Mirelli e, poi, nel 2019 quella di Chiaia. Un cronoprogramma che potrebbe saltare perché i nuovi treni previsti dal contratto non potranno essere utilizzati: lunghi 39 metri, non possono essere calati sui binari dall’unico “pozzo” di lavorazione a causa dell’eccessiva
grandezza.
Un tunnel largo 27 metri
Infatti, l’unico “foro” disponibile per fare entrare i treni — quello che dalla superficie scende nelle viscere della terrà — è largo soltanto 27 metri. Per evitare di decretare il fallimento totale del progetto, saranno utilizzati i 6 convogli da 25 metri, che furono comprati in vista dei Mondiali di Italia 90. Mezzi di 30 anni fa, che necessitano di manutenzione straordinaria e i cui pezzi di ricambio si trovano con estrema difficoltà e a costi elevati.

Ma salterà qualche capoccia? Dubito

IMPICCIAMENTO



Berlusconi è certo che forza italia raggiungerà il 45% dei voti alle elezioni di marzo, soprattutto perchè aggiungerà un paragrafo al CONTRATTO CON GLI ITALIANI:
Prometto che vi allieterò con un nuovo Bunga Bunga e se non dovessi mantenere questa promessa vi autorizzo a un impicciamento nei mie confronti