QUANT'E' VERO, anche a distanza di anni.

La storia di Cristiana e del suo amore per i cani

ESERCIZIO FISICO "Portare a spasso il cane è meglio della palestra" (leggi QUI)...
 Lo sa mio marito che tutti i giorni, dalle 8 alle 9, porta fuori Lilla e assieme si fanno 3-4 giri del Parco di Villa Olmo...
 ...e l'antica amicizia, la gioia di esser cane e di esser uomo tramutata in un solo animale che cammina muovendo sei zampe e una coda intrisa di rugiada (Neruda)
 e lo so io che il cane, in momenti difficili, può fare le veci di un tranquillante e che, in momenti di depressione, la sua vicinanza e la sua dipendenza da noi possono aiutare a trovare una ragione di vita. Chi mi conosce, sa del mio amore cardio-viscerale per i cani, dell'importanza che questi esseri hanno sempre avuto nella mia vita, sa che anch'io non vorrei vivere in un mondo senza cani ( Schopenhauer). 
A questo proposito voglio raccontarvi una storia. 

C'era una volta una bimba introversa,timida,senza amicizie,triste, quasi un'asociale, tanto che la madre, visto il suo disagio a frequentare la scuola, la fece studiare a casa. Usciva raramente se non per andare al cinema con la nonna e il tempo libero lo passava leggendo; aveva una vasta scelta di libri, anche se poco adatti alla sua età : S.Maugham, Le mele d'oro, L'amante dell'orsa maggiore, Emma Bovary, Pip grandi speranze.... 
Si rannicchiava sotto la sua scrivania e leggeva di giorno e di notte...fino a quando l'ennesimo "spegni la luce" non la faceva desistere. Non le manca niente dicevano i suoi, è fatta così, è il suo carattere riservato.
 Io penso che quella bambina avesse un gran vuoto dentro di se', una grande nostalgia per il padre che era mancato improvvisamente,un gran bisogno di sua madre,bella allegra e affettuosa ma molto spesso assente e anche un senso di timore verso lo zio che era venuto ad abitare con loro, lo stesso zio che, un paio d'anni prima, si era sparato un colpo di pistola a pochi metri da lei. 
Il mio primo cane, Lucky
Poi le regalarono un cane : fu amore a prima vista e rinacque, nel vero senso della parola. Era stupendo occuparsi di lui, prendersene cura, educarlo, giocarci e portarlo fuori 2-3 volte al giorno , vederlo correre e zomparle in braccio improvvisamente. 
Iniziò così la sua vita sociale, conobbe e crebbe negli anni assieme a molte amiche e amici, dette gli esami di quinta da privatista e continuò gli studi alla scuola pubblica ; immediatamente dopo si sposò e portò il cane con sè. Quando lui mancò soffrì moltissimo,lei lo considerava suo fratello. E questo è solo l'inizio di un magnifico sodalizio.


Ho ritrovato per caso, sul blog di un'amica, questo mio post e lo ripropongo per i blogger amici più recenti, affinchè possano capire, o tentare di farlo, il mio amore per i cani.
Questo periodo dell'anno, in cui capita di tornare indietro nel tempo  cercando di fare dei bilanci e de paragoni tra  gli accadimenti  della propri vita, è piacevole trovare un dato di fatto, uno di quelli che escludono ripensamenti o rimpianti. 

17 commenti:

  1. Gli amici a 4 zampe sono unici.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, io lo ho subito capito che il tuo amore per i cani è sopra ogni cosa, ricordo certi tuoi post quando parli degli amici ha quattro zampe, io immagino di vedere il tuo volto radiante di ciò che provi parlando di loro!!!
    Ciao e buona settimana cara amica con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Io al posto del cane, ebbi un gatto ma la storia è la stessa. L'amore per gli animali viene sempre da lontano, per quel mi riguarda e crescendo (e invecchiando) ho fatto scelte a riguardo anche nell'alimentazione.
    Baciobacio amica bella

    RispondiElimina
  4. Quanto sei ancora più dentro di me adorabiie creatura con questo post!
    Io di famiglia agiata e non voluta ho conisciuto il collegio,non come luogo di terrore ma di affetto dove almeno c'era qualcuno che dava l'impressione di interessarsi a me.
    E il mio primo cane da ragazzina l'ho ricordo come ricordo tutti gli altri miei compagni di vita, di sventura, di amori, di delusioni, di lacerazioni, ma sempre presenti con il loro affetto immutato.
    Appartengo alla categoria di persone che senza cani non potrebbero vivere, spesso mi hanno salvato la vita..
    Ti stringo fortissimo e uno slurpone al tuo pelosone!

    RispondiElimina
  5. Un uccello nato in gabbia pensa che quelli che volano siano matti.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  6. Non ho nulla contro gli animali ma ai cani preferisco i gatti, però quando sento il bisogno di una vicinanza,cerco sempre gli umani.
    Un caro saluto,fulvio

    RispondiElimina
  7. Io vorrei tanto un gatto, ma mia moglie me lo impedisce con tute le forze. Ha a cuore arredamenti e soprammobili, e credo rimarrò col rimpianto.. uff

    RispondiElimina
  8. Hai avuto la vita miracolata dai cani a quanto apprendo. Almeno hai conosciuto da vicino l'amicizia, l'amore e la fedeltà. Consideralo un sorriso dal cielo, Cris, perché c'è chi sto sorriso non lo ha mai ricevuto.
    Certo che non devi aver passato la solita vita tu, e di questo pure ti puoi vantare. Anche tu hai appartenuto al popolo (il grandissimo popolo) degli accovacciati sotto il tavolino o la scrivania. Il mio era un tavolo da cucina immeno e quadrato, bardato ai lati da un tappeto di stoffa lavorata verde.
    Stavano tutti seduti a chiacchierare (in cucina) intorno a quel tavolo e io sotto, nel mezzo a controllare caviglie e scarpe. Non mi sfuggiva un movimento. Secondo me ogni mossa corrispondeva ad un pensiero, una frase, un ricordo, una speranza. Ho iniziatomidealmente a scivere le mie storie là sotto. Avevo nove anni.

    RispondiElimina
  9. E poi ci sono "le persone sole". Dove i genitori? I figli? I fratelli? Ah sì! Sono fuori ad accompagnare il cane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OGNI VOLTA CHE LEGGO UN TUO COMMENTO, RIVEDO GENA GNOCCHI QUANDO DICEVA " AA COSA C'HAI NELLA TESTA?.
      Puoi fare a meno di commentare da me? Fai conto che sia sempre fuori col cane.

      Elimina
    2. Non si possono disattendere i desideri... sopratutto a "Natale". Buon "passeggio"

      Elimina
  10. Ciao Cristiana, e l'unico amico che ti puoi ciecamente fidare
    un caro e amichevole saluto da
    Tiziano

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Cristiana,
    passo per augurarti un lieto Natale.
    A presto ;-)

    RispondiElimina
  12. Anche oggi eri a passeggio con Lilla?
    Durato a lungo?
    Domani sarai dalla figliolona, e allora?
    VIN

    RispondiElimina
  13. Ciao
    buone feste.
    Questo post mi ha emozionato. Troppo bello, mi è entrato nel cuore. Un cane, un amico vero, fedele che non ti tradisce mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uno dei post migliori letti la settimana scorsa http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2016/12/top-of-post-26-dicembre-2016.html

      Elimina