C'E' Qualcosa di nuovo oggi nell'aria, anzi d'antico

Attentati di Parigi, carcere meno duro per Salah Abdeslam. "Dà segni di PARANOIA"DA' SEGNI DI PARANOIA? MA QUESTO  E'  UN PARANOICO. 

È stato  rimosso il vetro di separazione della sala sua visite, gli è stato concesso uno spazio isolato sui tetti e due ore di passeggiata al giorno. Da ora potrà anche pregare nella sua cella, con un tappeto da preghiera e una copia del corano. Al momento solo la sua famiglia può recarsi a rendergli visita, e lui è perquisito dopo ogni incontro. "Nei prossimi giorni verrà anche smontato il plexiglas che scherma la sua finestra"

L’articolo che i due reporter hanno scritto parla di una detenzione decisamente fuori dal comune, degna di un carcerato privilegiato: Salah si sveglia alle 11, guarda molta tv - soprattutto reality- Gli è proibito uscire in cortile perché si teme che i suoi compagni possano avere reazioni violente.
Il decimo uomo del commando degli attentati del 13 novembre, che hanno provocato 130 vittime, può ricevere posta e visite previa autorizzazione dei magistrati. A sua disposizione ci sono i libri della biblioteca. Può comprare giornali attraverso il suo conto personale. 

Sedici anni per il processo sugli  stupri nella comunità. Reati prescritti, aguzzini salvi.  
Qui la pagina degli orrori http://www.repubblica.it/cronaca/2017/09/23/news/ 
La Legge latita, i giudici latitano, la Giustizia latita, le pene latitano. I "PILATO" imperano e una tolleranza mal riposta crea terribili  e ingiuste scelte
C'è qualcosa di nuovo oggi nell'aria, anzi d'antico.



Bisogna ripensare al paradosso di Karl Popper sull'intolleranza.
E magari spiegarla a Salvini

Galleria di mostri

Ogni giorno 11 stupri. In quattro casi su dieci l'autore è straniero

ROMA - Quasi 11 stupri al giorno, quattromila ogni anno. Più di un milione di donne colpite in Italia

Crescono gli italiani denunciati: 1.534 nei primi sette mesi del 2017 contro i 1.474 dello stesso periodo del 2016. Ma resta altissima l’incidenza degli immigrati su questo reato, sia come autori che come vittime: gli stranieri denunciati per violenza sessuale sono infatti 904 da gennaio a luglio 2017, poco meno dei 909 dello stesso periodo del 2017

2.438 casi di stupro o abusi nei primi 7 mesi del 2017. Ma molto più spesso la denuncia non arriva neanche

Tra le persone denunciate o arrestate 1.534 sono italiani, 904 stranieri. Una lunga scia di violenza nei dati del Viminale, che sottostimano il fenomeno.

La presidente di Telefono Rosa, Maria Gabriella Carnieri Moscatelli, "per questo più che fare una differenza di cittadinanza direi che il problema è che sta passando un messaggio tremendo di impunità, perché gli stupri in Italia sono all'ordine del giorno"
La violenza sessuale risulta essere il reato in assoluto meno denunciato; secondo le stime, i casi di violenza sessuale che arrivano nelle stanze delle questure sarebbero solo una minima percentuale che oscilla dal 1% al 28% di quelle realmente subite dalle donne.
Le teorie sulle motivazioni allo stupro sono piuttosto confuse e spaziano da una presunta patologia mentale dellostupratore, un forte odio verso le donne, fino a spiegare il comportamento sessuale deviante con l’ottenimento del climax del piacere sessuale quando la vittima resiste e soffre (Koss e Dinero, 1988


Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2017/01/stupratore-violenza-sessuale/

Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2017/01/violenza-sessuale-stupro/

Londra, 9 apr. - Chi ha avuto un padre od un fratello condannato per violenze sessuali ha 5 volte le chance di commettere lo stesso crimine rispetto a quanti non hanno avuto precedenti simili in famiglia. E' quanto emerge da uno studiocondotto in Svezia 

Ieri gli ultimi due casi, Dottoressa aggredita e violentata in ambulatorio durante il turno serale alla guardia medica in Sicilia e la donna tedesca di 57 anni senza fissa dimora«Legata per non farmi scappare e stuprata»

La prima parola che mi viene alla mente, da ignorante, è PSICOPATICO,  forse una persona con una doppia personalità, probabilmente affetta da narcisismo
  La psicologa Margarita Ortiz-Tallo dell’Università di Malaga, oltre ad arroganza e narcisismo, ha identificato una terza caratteristica tipica del profilo dello stupratore: la personalità antisociale, come spiega a El Mundo. Tale personalità non implica che chi ne soffre sia necessariamente un emarginato, al contrario chi ne soffre può essere capace di adattarsi perfettamente all’ambiente in cui vive, incluso avere ottimi rapporti con chi lo circonda.

Detto questo, sono ancora più sconvolta da questo reato immondo, perchè mi rendo conto che nulla si può attuare per far sì che non avvenga, non vi sono  nè regole nè leggi che tengano, nè servirebbe esacerbare le pene.
Alcuni mostri mostri





INCREDIBILE MA VERO!

Giallo a Ginevra, bagni ostruiti
da banconote da 500 euro
in filiale Ubs e locali della zona

Il caso nel capoluogo elevetico. I soldi trovati nei wc e nei lavandini. I contanti gettati probabilmente da alcune signore spagnole, ma non sono chiare le motivazioni all'origine del gesto. Una parte trovata anche nei bagni di un ristorante vicino: il proprietario è riuscito a farsi cambiare il denaro alla sede della banca centrale
Stiamo parlando di decine di migliaia di biglietti da 500 euro, rinvenuti nei wc e nei lavandini dei bagni del caveau dell'istituto di credito. "Banconote fatte letteralmente a pezzettini", come ha confermato l'autorità giudiziaria elvetica al quotidiano Tribune de Genève. Tanto che, fossimo stati a carnevale, potevano passare per coriandoli
Il malloppo  apparterrebbe, come hanno potuto dimostrare le telecamere di sorveglianza di Ubs, ad alcune signore spagnole, le quali lo avrebbero depositato, diversi anni fa, in una cassetta di sicurezza.Perchè, a un certo punto, abbiano voluto sbarazzarsene, il loro avvocato non l'ha spiegato. Il legale si è limitato a pagare le spese dell'idraulico, Intervenuto per liberare i wc, intasati dai 500 euro..

Io non riesco ad immaginare la necessità di un gesto del genere, ma non sono un'esperta di intrallazzi di danaro.
L'unica ragione che mi è passata per la mente, è che le spagnole fossero seguite da qualcuno che volesse impadronirsi del malloppo e che loro abbiano preferito distruggerlo all'interno della banca piuttosto che rischiare che cadesse in certe mani.
Voi avete qualche idea in proposito?



Geniale

Circola un’immagine che ritrae l’avvocato Carmen Di Genio (Comitato Pari Opportunità Corte d’Appello di Salerno) e un suo intervento al convegno nazionale sulla sicurezza e legalità del 13 settembre a Salerno:

Colta al volo.
Avvocato "di genio " straordinario.


VAMPIRI

Il cannibalismo del nuovo tipo che si aggira nelle città USA

Mark McCullen, alcolista, tossicodipendente e disoccupato dei sobborghi di Cleveland (USA), sopravvive vendendo il suo plasma alle case farmaceutiche. Il suo è solo un esempio di un fenomeno in espansione che vede i poveri delle periferie americane aggrapparsi alla mercificazione del preziosissimo liquido giallastro, l’8% più proteico del  sangue, indispensabile per la produzione di medicinali chemioterapici d’avanguardia.

Le cose stanno così. Va detto, innanzitutto, che in USA il commercio del plasma, in genere ottenuto da donazioni volontarie, è legale. Per cui le grandi multinazionali, che necessitano di fiumi di “oro giallo”, hanno deciso di mettere in piedi un vero e proprio business. Installando ben 500 centri di raccolta, aperti h24, nei quartieri ghetto delle grandi città americane. . I bisognosi e squattrinati, accettano, per soli  $200 al mese, di farsi prelevare, una o anche due volte a settimana, fino a un litro di plasma a seduta. Un sistema che ha consentito agli USA di conquistare la leadership mondiale nell’esportazione di questo “liquido magico” passando dai 15 milioni di litri del 2007 ai 32 milioni del 2014.

Ma questo mercato ha tre risvolti negativi.

Il primo. L’ulteriore indebolimento psicofisico di fasce già fragili della popolazione. Che pur di piazzare il loro “prodotto” mentono sulle loro reali condizioni di salute. Al punto da ridursi sfiniti, come testimonia il documentario di F. Pilet e M.Maurisse Le business du sang, in zombie ambulanti sui marciapiedi cittadini.

Il secondo. La dubbia qualità del plasma messo in circolazione. Che, nonostante venga sottoposto a processi di purificazione affidabili prima di essere trasformato e venduto, non è detto che sia al 100% innocuo. Visto che , ad esempio, nel sangue di molti cosiddetti donatori la concentrazione di agenti patogeni è altissima e, come già detto, non sono prescritti controlli preventivi  sul loro stato di salute.

Last but not least, si pone il problema etico. Perché il sistema del plasma a pagamento, oltre a sminuire il concetto di donazione volontaria  incoraggia, secondo Michel Monseiller,  Presidente della federazione francese per le donazioni di sangue volontarie (FFDSB) lo sfruttamento delle classi indigenti e, parola di Jean-Daniel Tissot, ematologo svizzero e preside della Facoltà di Biologia e Medicina dell’Università di Losanna, inaugura una nuova forma di cannibalismo in cui i ricchi si saziano col sangue dei poveri.

Più che cannibali, per il momento, li definerei sanguisughe anzi  ,ancora meglio, VAMPIRI ,  cui nè sole nè aglio possano effetto, ma penso che nessuno di loro abbia mai fatto  riflessioni del genere. 

C'E' ACQUA E ACQUA

Mondadorihttp://formiche.net/blog/2016/05/06/libro-salvini 

Ecco il programma del candidato premier
Matteo
Salvini pubblicato da MondadoriSpero di fare il segretario per il minor tempo possibile e andare al governo per cambiare le cose“.

https://www.bergamonews.it/2017/09/13/pontida-arrivano-parcheggi-rosa-vietato-extracomunitarie-lesbiche/264510/

Lega, scandalo a Pontida: parcheggi rosa solo per donne etero e comunitarie Le prime strisce "rosa" dei nuovi parcheggi dovrebbero essere disegnati nei primi giorni di ottobre.Peraltro, nell'ordinanza non mancano altri passaggi destinati a far discutere. Già nelle premesse si dice che "Pontida intende con il presente regolamento comunale promuovere il sostegno alle famiglie naturali, formate dall'unione di un uomo e una donna a fini procreativi, nucleo fondante della società civile". Nell'articolo 2 si arriva perfino a dare una definizione di donna. Quando si precisa che "ai fini del presente regolamento per "donna" si intende un individuo umano con sesso femminile risultante dai registri anagrafici della città di Pontida"

Peraltro, nell'ordinanza non mancano altri passaggi destinati a far discutere. Già nelle premesse si dice che "Pontida intende con il presente regolamento comunale promuovere il sostegno alle famiglie naturali, formate dall'unione di un uomo e una donna a fini procreativi, nucleo fondante della società civile". Nell'articolo 2 si arriva perfino a dare una definizione di donna. Quando si precisa che "ai fini del presente regolamento per "donna" si intende un individuo umano con sesso femminile risultante dai registri anagrafici della città di Pontida".

acqua del Po
MA SALVINI LO SA CHE A PONTIDA NON BEVONO L'ACQUA DEL PO, 
BENSI' QUESTA?



 




ADORABILE!



Quando si dice  " con nonchalance "

RE MIDA


Che  dire di questo faccendiere cafone che trasforma in oro tutto ciò che tocca? Alti e bassi , ma non ha mai mollato trovando anche l'appoggio di importanti imprenditori  e usando escamotages al limite della legge che riesce ad inchiodarlo solo due volte.

Per affari connessi a bische clandestine e gioco d'azzardo viene condannato in primo grado a un anno e sei mesi di reclusione dal Tribunale di Bergamo[14] e a tre anni dal Tribunale di Milano.[3][15] evitando il carcere con la fuga a Saint Thomas, nelle Isole Vergini americane, per poi tornare in Italia dopo un'amnistia
.Nel 2015 per lui e altri tre imputati si apre il processo al Tribunale di Genova Il 12 maggio seguente i PM chiedono per lui 4 anni di reclusione con l'accusa di aver intestato a una società di comodo lo yacht simulando l'attività di chartering, di aver evaso l'Iva sull'acquisto dell'imbarcazione e di non aver pagato le accise sul carburante per 3,6 milioni di euro. Il 10 luglio viene condannato alla pena di un anno e undici mesi di reclusione venendo lasciato in libertà grazie alla sospensione condizionale della pena che non si accumula con le precedenti pene a cui era stato condannato estinte con l'amnistia. Oltre alla condanna, i giudici stabiliscono anche la confisca dello yacht.


In occasione dell’incontro “Il tempo delle donne”, organizzato da Repubblica a Milano, Flavio Briatore commenta quello che ritiene essere uno dei benefici indotti dall’emancipazione femminile. L’imprenditore italiano, elenca quelli che ritiene siano i benefici di una donna che sceglie di dedicarsi anche a coltivare la propria carriera, indipendentemente dal contesto familiare:
"È fondamentale che una donna lavori, anche perché se non lo fa, ha solo motivo di romperti i cogl*** dalla mattina alla sera." Invece una che lavora  non ha questo problema, e diventa anche più sicura. Una che non fa niente tutto il giorno…


Ma a chi si riferisce il billionaire nostrano?
Ai 7milioni 500.000 casalinghe italiane il cui  74,5% delle  possiede al massimo la licenza di scuola media inferiore?
Alle  donne che  hanno effettuato 50 miliardi e 694 milioni delle ore di produzione familiare (il 71% del totale). e che  con 20 miliardi e 349 milioni di ore, sono i soggetti che contribuiscono maggiormente a questa forma di produzione. Il numero medio di ore di lavoro non retribuito svolte in un anno è pari a 2.539 per le casalinghe.
Oppure a quelle donne che hanno due occupazioni,  una in casa e  l'altra in fabbrica o in ufficio?
O forse è un invito  fondare un'attività propria, tipo una casa d'appuntamenti .
E ancora, se sono carine,  perchè non frequentare  ambienti della TV , per incontrare alti dirigenti e farsi raccomandare al fine d'intrufolarsi in qualche show?
Certo devono rispondere a determinati requisiti : tette abbondanti, lato B sporgente ma nè alto nè basso, gambe lunghe e soprattutto, uno stomaco da struzzo.







 


UNA PENA ESEMPLRE



Il comandante generale Tullio Del Sette ha già concordato la linea con la ministra della Difesa Roberta Pinotti: dopo la sospensione decisa ieri, sembra scontato che entrambi i militari indagati per aver stuprato due studentesse statunitensi a Firenze, saranno congedati. Cacciati perché «non si può consentire che chi indossa la divisa approfitti di una ragazza». Il caso sarà chiuso in questo modo anche se l'indagine dimostrasse che non c'è stata violenza.
Ma dal momento in cui ritorneranno ad essere due  comuni cittadini subiranno un processo penale, secondo le leggi dello Stato?E a proposito di mele marce, voglio pensare, anzi voglio credere,  
che i due militari, per la prima volta in servizio assieme, 
si siano riconosciuti 'a naso' altrimenti si potrebbe pensare che un atto tanto turpe  non sia una rarità fra le forze dell'Ordine.

Mi auguro che vadano sotto processo e che siano condannati ad una pena esemplare da scontare tra i detenuti comuni che, si sa, non  non amano   carabinieri e poliziotti. 


                                                                                                                                                                                                                                                                                                         
                                                                                                                                                                                                                              

UN GRANDE EVVIVA A TRIESTE

Anche il cane delle famiglie indigenti ha diritto al sussidio

di Roberta Lunghini - 19.06.2017
Anche il cane delle famiglie indigenti ha diritto al sussidio
  • Condividi su Facebook Diffondi su Twitter
  •  
  • Stampa
  •  
Allegati
Il Comune di Trieste ha deciso di aiutare i cittadini in difficoltà economica a prendersi cura degli animali domestici. Esiste, infatti, un fondo municipale finalizzato alla concessione di buoni nominali di €30 da spendere per i propri amici a quattro zampe, in particolare per le prestazioni veterinarie. Gli aventi diritto sono persone senza reddito, cassa integrati a fine sussidio o percettori di pensione minima e/o d’invalidità civile. Tutto quello che i beneficiari devono fare è recarsi presso l’Ufficio Zoofilo comunale e presentare la documentazione attestante una delle condizioni necessarie per poter ritirare il coupon. Ma l’impegno pet-friendly di questa città non finisce qui. Visto che concede anche un contributo mensile di oltre €50 a chi adotta un cane anziano ospitato nelle strutture convenzionate, sia pubbliche che private.

                              

Forse uno meno irresponsabile



Ho letto una miriade d' articoli che parlano di queste due teste di...cavolo e questo mi sembra il più assennato, o forse spero soltanto che  sia così.




http://www.occhidellaguerra.it/cosa-vuole-veramente-kim/

Il problema fondamentale, a detta di molti, è che in realtà ci trovi di fronte a un equivoco nella lettura della crisi coreana. Un equivoco che i media hanno anche condiviso e alimentato e che serve in realtà non tanto per non far comprendere la realtà della crisi, quanto per evitare di rinnovare una narrativa che ha ormai trovato una sua stabilità, soprattutto nel mondo occidentale. Per anni i media occidentali sono rimasti ancorati acriticamente all’idea che la Corea del Nord fosse nelle mani di un criminale completamente folle e che il governo nordcoreano non fosse altro che un Paese in cerca di una guerra nucleare con i vicini. E, in effetti, i messaggi propagandistici non hanno mai indotto a cambiare idee, e stessa cosa non hanno potuto fare i razzi lanciati nei cieli e al confine con Giappone e Corea del Sud. Ma forse nessuno si è posto la domanda realmente dirimente di tutta questa complessa vicenda: cosa vuole Kim Jong-un con un arsenale atomico e un esercito di milioni di uomini?

L’errore che ha annebbiato la vista di molti, è stato quello di considerare questo potenziale bellico in senso offensivo, cioè come volto a colpire i nemici di Pyongyang in Asia orientale e in America del Nord. In realtà, a una più attenta analisi della politica nordcoreana o della semplice realtà dei fatti, risulta abbastanza chiaro che l’ultima persona al mondo a volere una guerra in Corea sia in realtà proprio Kim Jong-un. Perché dovrebbe intraprendere un conflitto volto all’esclusiva autodistruzione, sapendo che nel giro di pochi minuti si troverebbe l’intera flotta del Pacifico degli Stati Uniti e decine di migliaia di soldati e mezzi sudcoreani e giapponesi pronti a distruggere il suo regno?  Semmai, l’unica certezza è che, intraprendendo una guerra, tutto sarebbe perso.


Evitando di considerare Kim Jong-un come un leader pazzo alla guida di un Paese inebriato da un folle, bisogna dunque comprendere quali potrebbero essere quindi gli obiettivi reali della campagna di propaganda e di provocazioni iniziato dal governo di Kim Jong-un. Uno di questi lo ha già raggiunto, ed è sotto gli occhi di tutti: ha dimostrato la sua intoccabilità. Nella crisi coreana, l’unico vincitore, finora, resta il programma nucleare, che è divenuto in realtà paradossalmente – ma non troppo – la garanzia migliore per la pace. Una pace fondata sulla paura della distruzione, questo è evidente, ma è la stessa che ha garantito la pace durante la Guerra Fredda[...] Adesso il suo obiettivo è semplice: far scendere tutti a compromesso e ristabilire un programma di sanzioni che consenta al governo nordcoreano e alla popolazione di sopravvivere. 


Un secondo obiettivo che sembra essere stato raggiunto è quello di aver dimostrato l’impossibilità degli Stati Uniti di proteggere realmente i suoi partner asiatici di fronte alle minacce anche di un piccolo Paese come la Corea del Nord. E quest’obiettivo non può non esser emesso in relazione alle logiche di potere di Cina e Russia nella contrapposizione al blocco occidentale. La Cina e la Russia hanno da sempre impostato la loro diplomazia sul non volere, a nessun costo, la guerra ai loro confini.[...]


Certo che  ho paura che qualcuno schiacci il bottone sbagliato, e non parlo per me che avrò sì e no  una decina di giorni da vivere , ma per coloro che  devono ancora comporre il mosaico della propria vita che, come dice  una vecchia canzone..
." Ah la vita, che cosa di più bello esiste al mondo
e non ce ne accorgiamo quasi mai...quasi mai"

MISOGINIA



Leggo su blog di Fulvio -       - https://coloratissimo.blogspot.it/     - che è di Trieste ,
" Nella mia regione Friuli -Venezia Giulia un bastardo finisce in carcere per aver strangolato la fidanzata e finisce in carcere solo per pochi giorni.Il giudice sentenzia che l'assassino non sopporta il carcere, lo fa star male, e ora è in attesa degli arresti domiciliari.".
Leggo, sul quotidiano di Trieste, che prima dei domiciliari deve arrivare il bracialetto elettronico e mi auguro che il ritardo si prolunghi in modo che l'omicida di Nadia Orlando  ( 21 anni )   Francesco Mazzega,schiatti dalla paura.
Senza dubbio un giudice misogino, anch'egli con qualche disturbo psicologico, al pari del padre dell'assassino che giustifica il figlio dicendo " Francesco è una brava persona, non un assassino".  
Blog
di prova perchè sono in difficoltà.
Non riesco più a commentare sui vostri blog.
HELP!!!
Ci son strade che portano ovunque
Ci sono incroci che portan lontano
Ma quando vedrai
un cervo che scappa
un serpente che attacca
e di un uomo le gambe soltanto
saprai che sotto al varco dovrai passare
e il pericolo andare ad incontrare.”
Ok! Poteva andare bene e incominciò a spedire gli inviti.

Lo strano messaggio trovato per caso su internet gli aveva dato l'idea.  A lui bastava un invito, che spedì immediatamente  omettendo il cervo e l'uomo a metà, a colui che gli aveva rovinato la vita : l'amante di sua moglie. Amava sua moglie Anna,e voleva salvarla da  quel bell'imbusto, un misero donnaiolo che le avrebbe fatto del male.  Lui avrebbe capito da chi proveniva quel genere di minaccia ,  ma si sarebbe limitato a guardarsi intorno;  forse avrebbe controllato che non gli  avesse messo un serpente nell'auto e avrebbe  cancellato  Anna dal suo carnet.  Su ciò contava ,soprattutto, con qul minaccioso messaggio, e il resto sarebbe avvenuto in seguito Era un superficiale  pieno di  sè e non si sarebbe  arrovellato più di tanto
 Il ganzo era un cacciatore,  non di cervi, bensì di uccelli : amava riempire il carniere con piccoli volatili, anche quelli  vietati, dal cosiddetto  'becco gentile', che erano una vera prelibatezza da gustare con gli amici. 
Ma lui aveva pazienza e avrebbe atteso  la prossima apertura della 
caccia. Mancavano ancora mesi , ma ciò abvrebbe giocato a suo favore perchè il tempo avrebbe  stemperato  il senso di pericolo provato  dal rubacuori nel leggere quel messaggio.
 Sapeva bene dove trovarlo  , avrebbe aspettato il momento propizio, magari  quello della pisciata contro un albero, e lo avrebbe beccato, proprio come una delle sue beccacce.
Anch'egli era un buon cacciatore , di cervi, però.

Questo il raccontino con cui ho partecipato a " Insieme raccontiamo"


https://hermioneat.blogspot.it/2017/08/insieme-raccontiamo-24.html

POPOLO ELETTO

 il succo dello shabbat è quello di non turbare il normale equilibro della natura. E così dal tramonto del venerdì per circa 25 ore gli ebrei non possono scrivere, non possono accendere la luce, non possono rispondere al telefono, non possono cucinare, non possono fare shopping. Non possono disfare nodi, non possono macellare, non possono cacciare, non possono costruire né demolire. Per ovviare alle scomodità, la luce la accendono in anticipo, e idem per la cucina tenendo il cibo al caldo in forni dotati di timer. In molti palazzi, oltre che negli hotel che osservano lo shabbat, sono stati installati ascensori che fermano ad ogni piano. E se squilla il telefono chiedono a qualcuno di rispondere al loro posto e si fanno poi passare l’apparecchio. Perché il problema è innescare la chiamata, non parlare al telefono. E via di questo passo. Nel dubbio, meglio astenersi dal fare qualsiasi cosa.


Israele: al sabato gli ebrei osservanti rinuncino agli ascensori automatici

Non si pensi che le comodità siano un modo per aggirare la Torah. Ma molti religiosi non sono d'accordo

dal nostro corrispondente  Francesco Battistini 

GERUSALEMME – Gambe in spalla, si sale a piedi. L’ultimo verdetto dei rabbini ultraortodossi se la prende con gli «ascensori del sabato». Quelli che si vedono in qualsiasi albergo sul lungomare di Tel Aviv, in molti palazzoni di Haifa, negli ospedali, negli uffici di polizia, negli edifici pubblici. O in qualche condominio di Gerusalemme, dove laici e osservanti condividono le spese. Montacarichi dediti al riposo ebraico: dal tramonto del venerdì al calar del sole del giorno dopo, vanno su e giù da soli, le porte sempre aperte, una sosta a ogni piano. Giorno e notte. A ciclo continuo.

LEGGE - Li hanno costruiti così, come molti apparecchi ed elettrodomestici venduti in Israele, perché rispettino alla lettera la Parola biblica che di sabato vieta d’«accendere fuochi» (e quindi d’azionare elettricità), anche schiacciando un semplice pulsante. 
Utilizzo di apparecchi elettrici. Innanzitutto va chiarito che è permesso utilizzare apparecchi elettrici che siano stati accesi prima di Shabbat o che siano attivati da un timer collegato prima di Shabbat e non modificati manualmente durante Shabbat (Rambam, Hilchot Shabbat 3, 1). Esempi sono la luce e l'aria condizionata. Ovviamente ciò vale solo per usi consentiti. Per esempio, anche se un fornello elettrico è stato acceso prima di Shabbat o durante Shabbat con un timer, non è permesso cucinarvici.


DOMANDA. Posso aprire il frigo di Shabbat?

RISPOSTA. Quando si apre la porta di un frigorifero si accende normalmente una lampadina interna e in alcuni casi un ventilatore. Dato che si tratta di attività proibite a Shabbat e Yom-Tov, entrambi dispositivi vanno disattivati prima dell'inizio di Shabbat o Yom-Tov (vedi il precedente articolo sulle problematiche relative all'accensione di un apparecchio elettrico
).







 L’anziano Rabbi Yosef Shalom Elyashiv, 95 anni, una delle voci più ascoltate dell’integralismo, non ha preso la parola sull’argomento. Per dire che no, gli ascensori del sabato non vanno bene. Elevation, not elevators. Elevarsi a Dio, sì, ma usando le scale. L’ordine, più influente che vincolante, è motivato dal timore che la «comodità» d’un ascensore automatico insinui nel pio ebreo l’idea di poter aggirare in qualche modo la Torah. Con l’equivoco, magari, d’usare addirittura tasti e porte scorrevoli di quelli comuni. Elyashiv dice d’avere riflettuto a lungo, ma di non avere dubbi sulla necessità del divieto: nessun accorgimento tecnico, per salire o per scendere, può garantire l’osservanza della Legge divina.




Parlando dello  Shabbat ebraico, io e mio marito ci siamo posti una domanda : e il sesso?

 Di Shabbat, meglio se nella notte del venerdì, agli ebrei è consigliato unirsi carnalmente alla propria donna. Pare che i figli concepiti di shabbat siano particolarmente benedetti. Pazienza se poi, negli ambienti ultraortodossi ogni tanto si dica spunti un lenzuolo. Pare serva per evitare che la mente si perda nell’ammirare la nudità.